Sidebar Menu

Martedì, 18 Agosto 2020

Scale a chiocciola: dimensioni minime per installarla

Le scale a chiocciola sono realizzazioni dal design altamente adattabile con forme audaci e diverse configurazioni che richiedono un'attenta attenzione alla progettazione.

Possono anche essere gli elementi iconici di un progetto e grandi salvaspazio. Qui, esaminiamo diversi stili e dimensioni di un design di una scala a chiocciola.


Perché scegliere una scala a chiocciola?

La necessità di ottimizzare gli spazi è una delle richieste più ricorrenti che ci capita di affrontare per offrire soluzioni creative e allo stesso tempo funzionali. Infatti, quando si progetta una scala, è fondamentale combinare esigenze estetiche, funzionali e strutturali, come la definizione del tipo, della forma, del materiale, della struttura, della posizione e della disposizione corretta delle scale. Sono scelte che ovviamente influenzano la qualità finale di un progetto.

Una piccola guida alla progettazione di scale a chiocciola può aiutarti ad affrontare meglio tutti questi aspetti.


Progettazione di una scala a chiocciola: tipi e vantaggi

La scala a chiocciola è un tipo particolare di scala curva che è più comunemente costruita in edifici privati e residenziali, in piccole stanze o in ambienti particolari. Le scale a chiocciola possono adottare diverse configurazioni strutturali:

La scala a chiocciola circolare è il tipo più comune, in quanto occupa un'area più piccola rispetto agli altri tipi.

Generalmente, la struttura delle scale a chiocciola è costituita da un palo di supporto centrale che si sviluppa verticalmente in cui sono inseriti gradini a sbalzo.

È possibile utilizzare una vasta gamma di materiali quando si costruisce una scala a chiocciola, tuttavia di solito sono costruite in metallo o legno o raramente in cemento armato nel caso di scale esterne.

Optare per una scala a chiocciola piuttosto che un tipo tradizionale di scala (ad esempio a forma di L configurata con una pianta rettangolare) presenta evidenti vantaggi, soprattutto in termini di gestione dello spazio. Una scala a chiocciola, infatti, occupa una piccola superficie in pianta e può anche essere posizionata in trombe delle scale con un diametro di circa 1,20 m.


Scale a chiocciola dimensioni minime

Per determinare le dimensioni corrette di una scala comoda ed efficiente, è necessario valutare correttamente il rapporto tra montante (la parte verticale che separa due gradini detta anche alzata) e il battistrada (la parte dove si poggia il piede detta anche spesso pedata). Nel corso dei secoli, studi di architettura ed ergonomia hanno prodotto varie formule empiriche per suggerire un rapporto ideale tra montate e battistrada per garantire un uso sicuro della scala.

La formula più comunemente usata per calcolare le dimensioni delle scale è attribuita all'architetto François Blondel, risalente al 1675. La famosa formula si basa sul fatto che lo sforzo fatto per sollevare il piede in verticale è pari al doppio dello sforzo compiuto per spostarlo in orizzontale.

Da questa formula matematica si ottiene che il doppio dell'altezza del montante più la profondità del battistrada equivale alla larghezza del gradino:

2R + T = tra i 62 e i 64 cm (dove R è il valore del montante e T del battistrada).

Una volta calcolata la relazione corretta tra montante e battistrada e ben proporzionata per adattarci al nostro passo, dobbiamo determinare ogni singolo valore.

Per ogni tipo di scala, il battistrada non deve essere inferiore a 25 cm. Nelle scale a chiocciola la forma triangolare del gradino implica un passo variabile dal centro della scala al corrimano.

Le dimensioni effettive del battistrada per una serie di scale devono essere calcolate considerando il percorso di marcia che collega i diversi livelli verticali dividendo l'altezza tra i livelli in gradini gestibili, dopo aver identificato il diametro delle scale e la distanza di 30 cm dal corrimano. Il montante deve essere calcolato tenendo presente l'altezza da pavimento a pavimento, ovvero la misurazione dalla parte superiore del pavimento della pavimentazione alla superficie del soffitto.

Infatti, poiché la scala a chiocciola si avvolge attorno a un palo centrale, ogni gradino deve essere ad almeno 2 metri di distanza dal loro equivalente simmetrico sul modulo superiore, in modo da garantire un livello adeguato di sicurezza per gli utenti che lo attraversano.

Nelle scale a chiocciola di piccolo diametro (100/130 cm) dove non è possibile inserire più di 12 gradini per giro, altrimenti si rischia di ridurre eccessivamente la profondità del battistrada, il valore del montante tenderà ad essere più alto rispetto alle scale rettilinee.


Design a scala a chiocciola: un esempio pratico

Ora cerchiamo di fornire un esempio pratico di calcolo e progettazione di una scala chiocciola. Questo è l’iter che facciamo quando veniamo interpellati per una consulenza gratuita per la ristrutturazione o la realizzazione ex novo di una scala a chiocciola. Se sei interessato ad avere una consulenza gratuita da noi di Diemme Group, compila il modulo che trovi a questa pagina.

Supponiamo che dobbiamo progettare una scala a chiocciola circolare. Avendo un'apertura sul pavimento con un diametro di 1,30 m, dobbiamo superare un dislivello di 3,00 m.

Si raccomanda che il diametro dell'apertura del pavimento sia di qualche centimetro più grande del diametro della scala in modo da adattarsi facilmente ai movimenti del corpo. In questo caso, abbiamo determinato il diametro delle scale di 1,20 m.

Prima di tutto, è necessario stabilire la posizione e la larghezza del pianerottolo di arrivo e la lunghezza e la posizione del percorso di viaggio.

È consigliabile che la larghezza di un pianerottolo di arrivo di una scala a chiocciola sia almeno uguale alla larghezza del battistrada. Per questo motivo, progettiamo un pianerottolo di arrivo con una larghezza pari al raggio delle scale (in questo caso 60 cm). Avremo quindi un triangolo equilatero con angoli interni pari a 60°.

Per un design ideale, il percorso di spostamento deve essere posizionato a circa 30 cm di distanza dal corrimano. Di conseguenza, per le scale con un diametro di 1,20 m, avremo un diametro del percorso di spostamento di 0,60 m.

Ora calcoliamo la lunghezza del percorso nel piano:  0,60 m x π = 1,88 m a cui dobbiamo sottrarre lo spazio occupato dall'atterraggio di arrivo.

Pertanto, il valore definitivo del percorso di viaggio che può essere utilizzato per il calcolo è 1,88 m - (1,88 / 6) m = 1,57 m.

A questo punto si passa a disegnare una vista in elevazione della scala che è stata sviluppata in vista in pianta. Possiamo definire il percorso di misurazione della corsa in senso orizzontale, incluso tra il punto di atterraggio posteriore e quello anteriore (1,57 m) e inserire verticalmente una misurazione di 2,00 m dei punti equidistanti sui due moduli della scala. Collegando le due estremità, possiamo ottenere l'effettivo percorso di viaggio pari a 2,54 m (che può essere calcolato con il teorema di Pitagora).

Successivamente, si procede con il calcolo di colonne montanti e gradini. Infine, possiamo disegnare la scala in vista in pianta per verificare un comodo accesso e l'uscita dalla struttura della scala. Se il punto di ingresso risulta scomodo, possiamo ruotare l'intera scala, spostando così anche il punto di uscita o cambiare la direzione delle scale a sinistra o a destra.

Una volta progettata la scala e ottenute le misure si passa alla scelta del materiale con cui realizzarla che possono anche diversi tra loro la fine di ottenere un effetto estetico personalizzato o che si adatta ad ogni tipo di stile dell’immobile o di arredamento presente.

Diemme Group

Via Cannegge 8
Castelplanio (AN), 60031
Tel: +39 0731 812005
info@diemmegroup.com

ORARIO SHOWROOM
Aperto da Lunedì a Venerdì:
08.00 - 12.30 / 14.00 - 18.30
Chiuso Sabato e Domenica.

Seguici su

SOLUZIONI DI ARREDO

Hai bisogno di oggetti d'arredo?
Tavoli, sedie, sgabelli, appendi abiti, lamiere con scritte e forme personalizzate.
CONTATTACI

Certificazioni

EN 1090-1:2009/A1:2011
Componenti strutturali e kit per strutture di acciaio

EN 1090-1 / EN 1090-2
Manufatti in acciaio saldati per carpenteria strutturale

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.